martedì 18 marzo 2008

Crossing Tv, italiani e stranieri on line

A Bologna debutta la web tv interculturale per le nuove generazioni.

C’è una redazione di 14 ragazzi tra i 16 e i 20 anni, stranieri di seconda generazione e italiani, dietro a Crossing Tv, la prima televisione web interculturale nata a Bologna per dare visibilità ai giovanissimi "contro ogni pregiudizio e discriminazione".
Un progetto finanziato dal ministero della Solidarietà sociale e promosso dall´associazione Crossing insieme al Centro interculturale Zonarelli, dove ha sede la redazione, con il sostegno del Comune di Bologna.
Giornalisti in erba e film maker autori dei video sono studenti originari di Albania, Congo, Cina, Marocco, Moldavia, ma nati nel nostro Paese o arrivati in Italia da piccoli.
Lavorano tutti insieme e il risultato si vede: sul portale troviamo Crosslife, reality show dove due ragazzi raccontano alla telecamera le loro passioni (abile skater lei, aspirante attore lui); spazi fissi a episodi - oltre al blog - dedicati a inchieste su Bologna con attenzione particolare ai luoghi di ritrovo della città ("Generazioni in azione"); rubriche sulla vita di coppia degli adolescenti; brevi filmati di moda e sport; recensioni e proposte per il tempo libero.
Direzione artistica e regia di Crossing Tv sono a cura di Silvia Storelli, filmaker bolognese ed esperta di intercultura, che coordina il lavoro della redazione per aggiornare - rigorosamente ogni settimana - i contenuti video.
Claudia Morselli

1 commento:

Tiziano Tescaro ha detto...

Complimenti per il vostro interessante blog. Anche sul mio stò trattando un post sulla cultura degli imigrati in Italia e in particolare del Bangladsh, vi invito a visitarlo e a lasciare un commento che sarà molto gradito. Buon pomeriggio da Tiziano